RECENTE SCOPERTA TERMALE NEL COMUNE DI VALDIERI

CONDIVIDI Facebooktwitterlinkedin

 

PREMESSA

Nel 2018 arrivano le conferme ufficiali  del grande successo, ottenuto dalla società Luni Ricerche, in merito alla scoperta Termale nella Piana del comune di Valdieri. Il Politecnico di Torino pubblica una Relazione dettagliata che conferma i dati tecnici presentati dalla Luni Ricerche in merito alla scoperta termale con l’individuazione esatta al 100% delle profondità, qualità e temperature delle falde Termali

Nel 2013 la Luni Ricerche srl ricevette da parte della Comunità Montana e del Comune l’incarico di un Progetto di Fattibilità* per una ricerca Termale nella Piana di Valdieri.
Nella zona ritenuta ideale per lo sviluppo turistico termale, indicata dalla Comunità Montana e dal Comune di Valdieri, la Luni Ricerche srl, eseguendo secondo il suo esclusivo metodo (oltre il 98% di successi) una ricerca termale preliminare, valutò  tale area  positiva  per la scoperta al suo interno di una preziosa falda termale. Fu consegnata una relazione dettagliata con indicazioni “precise” di profondità da raggiungere, le temperature delle falde termali alle varie quote ed una portata indicativa.


* Progetto di Fattibilità:

Il Progetto di Fattibilità si compone di un esclusivo servizio tecnico in grado di scoprire tramite una approfondita ricerca preliminare la localizzazione di nuove risorse di acque termali.
Le ricerche tecniche per l’individuazione di eventuali falde acquifere termali vengono concentrate nell’area indicata dal fruitore. In seguito viene consegnata al Fruitore una precisa relazione con la stratigrafia di previsione contenenti i dati tecnici fondamentali per valutare le conseguenti decisioni imprenditoriali.
I dati tecnici che si ottengono con l’esecuzione della ricerca preliminare e che vengono consegnati al fruitore completi di relazione sono:

• Analisi nelle zone indicate dal fruitore, allo scopo di verificare l’eventuale presenza di preziose falde acquifere termali
Profondità delle falde termali
Temperature indicative alle varie profondità delle acque termali.
• Portata indicativa dell’acquifero termale.


Estratti dalla Relazione consegnata il 04.09.2013 alla
Comunità Montana delle Alpi e del Mare:

In seguito alla  Relazione della Luni Ricerche, che evidenzia la presenza di falde termali nella zona della Piana di Valdieri ritenuta ideale allo sviluppo turistico termale, il Comune emette un bando dove è prevista che la Ditta di Trivellazione garantisca il successo del pozzo (se scavando non si trova acqua termale il Comune non paga).
Il bando viene vinto da una società di trivellazione che invece di rivolgersi alla Luni Ricerche srl per terminare la ricerca termale iniziata ed identificare il punto preciso per la trivellazione si rivolge ad una grande società di Geologi di Siena S.G.G. per fare ulteriori ricerche scientifiche.
Dopo tre mesi di indagini geologiche la S.G.G. indica una zona della Piana diversa da quella indicata dalla Luni Ricerche srl (circa 1 km di distanza). I geologi della SGG sostengono che in base alle loro ricerche scientifiche l’area indicata dalla Luni Ricerche srl non è idonea per la captazione Termale e scelgono di spostarsi da quella che era ritenuta dal Comune la zona ideale allo sviluppo turistico.
La Luni Ricerche invia una lettera al protocollo del Comune di Valdieri sostenendo il contrario di quanto espresso dai geologi della SGG e cioè che se veniva scavato il  punto indicato dalla SGGi sarebbe stato un totale fallimento e non avrebbero trovato l’acqua termale. I fatti confermeranno il totale fallimento del pozzo trivellato su indicazione geologica. L’intero progetto termale ed i sogni turistici del comune di Valdieri correvano il rischio di essere drammaticamente persi. Sarebbero stati persi insieme ai sogni anche i finanziamenti della Regione Piemonte. La situazione fu salvata in extremis dal nuovo incarico dato alla Luni Ricerche di continuare le ricerche nella zona iniziale per identificare il punto di trivellazione e fu uno straordinario successo, già a 380 metri era presente in quel punto come previsto dalla Luni Ricerche una eccellente acqua termale con l’ esatta temperatura e quantità prevista.


Estratto della lettera consegnata al protocollo del Comune di Valdieri:

“Premetto che secondo le mie Ricerche (Esterne alla Recinzione) SPINTE FINO A CIRCA 1300 METRI DI PROFONDITA’, la Perforazione che si sta svolgendo a Valdieri (DITTA NIGRO GROUP SRL) per la Scoperta di Acque Termali Calde darà esito NEGATIVO perché si sta trivellando nella zona sbagliata.

Negativo per quanto riguarda la scoperta, come da Progetto INIZIALE (vedi allegato Progetto di fattibilità per la Ricerca Termale VALDIERI) di un’ Acqua Termale COME RICHIEDE IL MERCATO ODIERNO, RICCA DI MINERALI (oltre 1000 mg) e con temperatura superiore a 37gradi. (Piscine Interne ed Esterne anche in Inverno per un TURISMO destagionalizzato, tutto l’anno)

L’acqua che sarà rinvenuta avrà una PREDOMINANZA di acqua comune con temperatura in emungimento compresa tra i 20 ed i 30 gradi, povera di minerali (oligominerale) anche se “contaminata” nel suo percorso da acqua termale. “


Risultato della perforazione su indicazioni della S.G.G. :
la trivellazione fallimentare eseguita su indicazione geologica ha raggiunto una profondità di circa 800 metri senza trovare la presenza di Acqua Termale.

POZZO SCAVATO SUL PUNTO INDICATO DALLA LUNI RICERCHE SRL E RISULTATI:


Pz 1 : Pozzo scavato su indicazioni della S.G.G.
Pz 2 : Pozzo scavato su indicazioni della Luni Ricerche srl